In quanto tempo viene erogato un prestito?

in quanto tempo viene erogato un prestito

Quanto tempo occorre per erogare un prestito?

Un approfondimento sui prestiti, sui tempo e le modalità diistruttoria della pratica, erogazione e rimborso.

Tempi di Erogazione di un Prestito

Al giorno d’oggi un consumatore può accedere al credito attraverso diversi canali, aderendo a molteplici forme di contratto di finanziamento. I prestiti più comuni, ovvero i prestiti personali, sono quelli di più facile accesso, servono al consumatore per sostenere vari tipi di spese o acquisti, vengono infatti anche chiamati prestiti al consumo.
Questo tipo di prestito ha diversi tipi di gestione della pratica di istruttoria e diverse tempistiche di erogazione, dipende dai vari casi, ma in generale risulta molto più veloce ed ottenibile di altri (come ad esempio il mutuo), sia perchè le cifre in ballo sono generalmente medio-basse, sia perchè le garanzie richieste sono minori. Ciò va a discapito del tasso che, pur restando nei parametri dettati da Banca d’Italia, è superiore rispetto alle altre forme di finanziamento.

A chi richiedere un prestito?

Come dicevamo, una prima differenza è dettata dal canale attraverso il quale si richiede il prestito. I prestiti personali possono essere richiesti dal consumatore, rivolgendosi direttamente alle finanziarie, in questo caso si può anche chiedere il prestito per semplici esigenze di liquidità, va da se che, non avendo una finalità precisa, in fase di istruttoria si dovrà prestare particolare attenzione alle capacità reddituali del richiedente e, se necessario, richiedere anche ulteriori garanzie.
Diverso è il discorso quando, ad esempio, si parla di prestiti finalizzati all’acquisto di un bene o alla necessità di sostenere una determinata spesa come può essere, ad esempio, quella di cure dentistiche o di lavori da eseguire in casa. In questi casi, infatti, ci sarà un intermediario fra il consumatore e la finanziaria. Se, per esempio, il consumatore volesse richiedere un prestito per acquistare l’arredamento della cucina, allora il negoziante proporrà un prestito con una finanziaria in convenzione, diventando intermediario e gestendo anche la parte iniziale dell’istruttoria. La finanziaria in questi casi, verificando la reale necessità d’acquisto e limitandosi a finanziare soltanto quello, sicuramente avrà dei tempi di istruttoria e erogazione più brevi, molto spesso per acquisti finalizzati non si richiedono molte garanzie e, rientrando in convenzioni particolari, si riesce a trovare anche una certa convenienza. Quando si richiede un prestito finalizzato all’acquisto di un bene si può decidere di finanziare solo parzialmente la spesa, ad esempio pagando un acconto, questo porterà a valutare molto bene la pratica, aumentando le possibilità di successo e velocizzando notevolmente i tempi di erogazione.

Quanto incide il passato sui tempi di erogazione?

Un altro fattore importantissimo per i tempi di erogazione è certamente la storia pregressa del soggetto richiedente. Come sappiamo è sconsigliabile richiedere un prestito se in passato si è incorsi in problemi come mancati pagamenti, ritardati pagamenti o protesti, a volte queste segnalazioni rimangono nelle banche dati oltre il dovuto. Perciò se si vuol avere una pratica istruttoria più snella conviene procedere prima con la cancellazione dei protesti dalle banche dati, successivamente la pratica potrà svolgersi in maniera più tranquilla e veloce.
Altrettanto importante è la propria situazione bancaria al momento stesso della richiesta del prestito. Se si vuol accedere al credito nel minor tempo possibile infatti può convenire richiedere il prestito nello stesso istituto in cui si è già correntisti. Tutte le banche hanno società satelliti che si occupano di prestiti personali. In ogni caso può essere utile rivolgersi ad istituti con cui si ha già auto a che fare, per loro sarà più facile valutare il cliente in base all’affidabilità già dimostrata in passato.

La cessione del quinto dello stipendio ha tempi di erogazione più veloci?

La cessione del quinto dello stipendio è un tipo di prestito che, per sue caratteristiche, risulta essere più semplice e veloce da ottenere. Dal momento che il datore di lavoro tratterrà la rata dalla busta paga del dipendente, la finanziaria in questo caso valuterà l’azienda anzichè il consumatore. Ciò permette di avere garanzie fortissime sul rimborso, date anche dalla possibilità di trattenere il residuo da rimborsare dal tfr in caso di licenziamento.

Assicurazioni sui Prestiti

Nel caso in cui si stia chiedendo un prestito avendo una posizione un po’ troppo debole, può essere utile sottoscrivere delle assicurazioni a margine del contratto di finanziamento. Le assicurazioni possono riguardare il bene oggetto del finanziamento (quando si tratta di finanziamento finalizzato), oppure il richiedente che, quindi, potrà coprirsi dal rischio di perdere il posto di lavoro oppure di infortunarsi.

Prestiti online Veloci

I prestiti online possono esser richiesti direttamente dal consumatore, per esigenze di liquidità o anche finalizzandoli ad una determinata spesa da affrontare. Certamente il target di riferimento è composto da persone dinamiche, che amano gestire questa ed altre vicende personali online, che siano propense a un rapporto del genere con l’istituto erogante, quindi il pubblico è mediamente giovane ed all’avanguardia, composto da persone che apprezzino e ricerchino comodità, praticità e rapidità.
In termini pratici il cliente può innanzitutto confrontare velocemente l’offerta di prestiti online, con pochi click può raccogliere informazioni su più finanziarie, scegliendo sempre per il meglio. Dopo questa fase di screening, una volta individuato l’istituto a cui richiedere il prestito, il consumatore può agire autonomamente, accreditandosi al sistema informatico e compilando un form. Il richiedente potrà eseguire tutte le simulazioni che riterrà opportune, regolando i parametri che determineranno le caratteristiche del prestito e, una volta inseriti i propri dati sarà sufficiente inviarli allegando alla richiesta la propria documentazione anagrafica e reddituale, quindi in genere dopo poche ore si può conoscere l’esito della valutazione e in poco tempo vedere erogato il proprio prestito personale.

Post correlati