La scelta degli infissi di casa

scelta infissi

In molti trascurano il fatto che la scelta degli infissi di casa influisce tanto sul benessere termico e abitativo delle persone, quanto sul dispendio energetico (e quindi sull’entità delle bollette) di un’abitazione: è per questa che l’opzione va ponderata attentamente.

Innanzitutto tenendone in considerazione le caratteristiche salienti in base ai principali materiali: PVC, alluminio e legno.

Gli infissi in PVC si contraddistinguono per:

  • bassa conducibilità termica (il che significa poca dispersione di calore e un buon grado di isolamento termico)

  • durevolezza

  • capacità di sopportare le aggressioni degli agenti atmosferici

  • manutenzione pressoché nulla

  • buon livello di fonoassorbenza, e conseguentemente di isolamento acustico (ma solo nel momento in cui siano abbinati ad un doppiovetro)

  • relativa economicità

  • resa estetica piacevole (grazie all’effetto del legno e alle numerose colorazioni che possono assumere).

Tuttavia, a fronte di questi vantaggi, esistono anche degli aspetti negativi:

  • facilità a scolorirsi con l’esposizione solare

  • emissione di acido cloridrico o diossina in caso di incendio.

I serramenti in alluminio invece annoverano tra i pregi:

  • leggerezza

  • grande resistenza a tutti gli agenti atmosferici

  • lavorabilità

  • economicità (anche maggiore rispetto a quelli in PVC di cui sopra)

  • ottima resa estetica (garantita dalla possibilità del materiale di declinarsi in qualsiasi colorazione, dalle tinte RAL agli effetti legno e anche ossidati)

  • trasparenza e pulizia

  • flessibilità (testimoniata dal largo impiego anche per grandi superfici continue di qualsiasi forma, con telai ridotti e minimali).

Tuttavia, l’alluminio non ha grandi capacità isolanti, data la sua elevata conducibilità termica, che determina prodotti che difettano per dispersione, anche se è possibile ovviare a questo problema con serramenti in alluminio a

taglio termico.

Gli infissi in legno si caratterizzano per:

  • capacità di isolamento, sia a livello termico che acustico

  • resa estetica di grande pregio e stile.

E tuttavia questa bellezza in un certo qual senso si sconta sia in termini economici che manutentivi. Per quanto concerne questo secondo aspetto qualora la scelta degli infissi di casa cadesse su quelli in legno, bisognerebbe impregnarsi in una pulizia trimestrale con acqua e detergenti neutri, in un ritocco semestralmente passando la vernice su ammaccature, graffi, scheggiature, oltre ad un restauro completo qualora si trattasse di infissi molto vecchi, logori, o mai manutenuti.

Per quanto concerne invece la questione economica i prezzi degli infissi in legno sono estremamente variabili, dipendendo sia dall’essenza utilizzata (che più è pregiata ed esotica, più costa), che dalla lavorazione a cui sono sottoposti (la laccatura ad esempio avrà un’incidenza affatto trascurabile), oltreché ovviamente dal numero di vetri installati (singolo, doppio o triplo, basso emissivi o selettivi, etc.) e la ferramenta utilizzata (quella standard avrà ovviamente un costo più contenuto rispetto a quella antieffrazione, oppure a quella a scomparsa, o a quella adatta per serramenti ad arco o a trapezio). In linea di massima comunque quelli in legno sono più costosi sia degli infissi in PVC che in alluminio.

La scelta degli infissi di casa: le caratteristiche tecniche imprescindibili

Indipendentemente dal materiale che si prediligerà, e dal tipo di apertura, ci sono delle performance alle quali un buon infisso non può abdicare. Tra questi:

  • resistenza alle intrusioni (maggiore negli infissi collocati nei muri perimetrali che non in quelli che si aprono verso l’esterno)

  • la resistenza al fuoco (valutabili come isolamento termico, stabilità e tenuta, in caso di incendio)

  • resistenza al vento

  • protezione da cadute accidentali

  • controllo del flusso luminoso

  • aerazione di raffrescamento (la condizione migliore si ha quando si contrappongono due infissi della stessa dimensione uno collocato a favore di vento e l’altro controvento)

  • controllo della radiazione solare (realizzabile sia con scuri che con vetri riflettenti).